TTT – UNA CULTURA DAL BASSO CHE GRIDA

TTT-WhatsApp-Image-2019-04-07-at-10.48.05

In seguito al primo convegno di TTT (Togliere-Togliere-Togliere) di sabato 6 aprile presso l’accogliente “Sporting Hotel San Felice”, Illasi, nasce questo articolo. Vuol essere in prima battuta una sintesi puntuale dei concetti comuni emersi durante l’incontro e, successivamente, un’analisi personale a più ampio respiro, ovvero un declinare alla nostra quotidianità le numerose ed interessanti riflessioni fatte dai partecipanti. Continua a leggere

“FEMENE” SULL’INCOMPIUTA

Via L’Incompiuta – Heinz Grill, Ivo Rabanser, Florian Kluckner, Franz Heiss – giugno 2012 – Arco.

DSCN3260

La lista di vie su cui vorremmo mettere le mani è piuttosto lunga, ma da sabato è un po’ più corta. Infatti ora l’Incompiuta non c’è più perché l’abbiamo compiuta, depennata. Non era in programma, Jessica l’ha nominata quasi per caso e io l’ho considerata una buona preparazione per progetti futuri. Continua a leggere

RIFLESSIONI DI UN’ASPIRANTE RIFUGISTA

Articolo già apparso su su Evaderee.com (15/01/2018) e su GognaBlog (18/02/2018).

Ho avuto la fortuna di iniziare a frequentare la montagna sin da bambina grazie ai miei genitori. Con le scuole elementari sono arrivate le prime vette (Adamello, Presanella, Lobbia, Cevedale…), conquistate come un piccolo trofeo in compagnia della sorella maggiore e dei cugini coetanei. Vivevamo queste gite con la gioia e la semplicità che solo i bambini sanno avere. Continua a leggere

40° anniversario di Guido Rossa

Succede spesso che degli alpinisti conosciamo solo le vicende legate alla montagna, e poco si sa di altri aspetti della loro vita. E’ il caso di Guido Rossa.

rossa

Scendevo dalla cima Sud dell’Argentera quando al Passo dei Detriti mi imbattei in una targa dedicata a lui, ricordo che all’amico che era con me dissi: Continua a leggere

Alt(r)e nevi

Se intendiamo la montagna bianca come qualcosa di diverso da un “oggetto” a  disposizione ben gestito, se muovendoci sulla neve intravediamo la possibilità di conoscere meglio alcuni elementi (neve, Terra, cielo, uomo) tra cui intercorrono relazioni assai complicate se dopo esserci informati e preparati ci viene il dubbio che conoscenza ed esperienza aiutano a ridurre una certa quota di rischio e di errori, ma non forniscono certezze, né risolvono tutti i problemi, forse è possibile ricominciare ad occuparsi non solo di tecnica, ma di fiducia, paura, cura, emotività e “simpatia” con i luoghi, per allenare la propria esperienza sulla neve, unendo l’esplorazione di ambienti naturali significativi ad uno sguardo verso il proprio modo di attraversarli.

Scegliere le curve migliori non dipende solo da quante capacità abbiamo o dagli attrezzi che indossiamo, ma da una fitta relazione di aspetti condizionanti: elementi naturali e meteorologici in continua evoluzione, tempo a disposizione per decidere, pressione psicologica, comprensione di ciò che accade, complessità organizzativa, tecnica e umana.
In tal modo proveremo a sciare mettendo a fuoco relazioni con l’ambiente circostante e sensorialità, utili a ricordare che ciò che abbiamo a disposizione non è smisurato, così da ritrovare un senso della realtà e, perché no, anche del limite.

Continua a leggere

ODE AI LARICI

DSCN8677

Le nostre montagne sono ricoperte di foreste, perciò per conoscerle bene è necessario riconoscere chi le abita. Conoscere la foresta per conoscere la montagna. Come descrivereste a chi non lo conosce il vostro albero preferito? Il mio è il Larice e io lo vedo così: Continua a leggere

L’ULTRAMARATONA DI SOPHIE E DEL SUO BAMBINO

Articolo già uscito qui, il 14 settembre (tradotto “in casa”… quindi forse risulta un po’ macchinoso)


Tre mesi dopo aver partorito, la britannica Sophie Power ha portato a termine i 171 km (10.000 D+) della UTMB (Ultra Trail du Mont Blanc) con le soste occupate per dare da mangiare a suo figlio. Continua a leggere

NUOVI TEMPI, DIVERSE ATTESE, GRANDI FATICHE E PROFONDE EMOZIONI

IMG-20180511-WA0020

David dorme. C’è pace. Non ci credo ancora, sono riuscita a trovare il tempo per scrivere. Ne è passato molto dall’ultima volta che ho pubblicato un vero e proprio articolo. E adesso faccio ancora più fatica a ritagliarmelo.

Tempo. Emozioni. O meglio: tempo, attesa, fatica, emozioni. Sto parlando di una nuova via? In un certo senso sì: è una delle più grandi vette raggiunte. La vita. Una nuova vita. Continua a leggere

UN RACCONTO DI ROCCIA E GHIACCIO

img_2277.jpg

Chiara: «Senti Marty ma andiamo a fare la Hintergrat? pensavo a fine luglio. Le condizioni sotto ottime!» – Marty: «Prenota al Coston!».

E così ci ritroviamo il 25 Luglio a Pove del Grappa con destinazione Solda. Il viaggio è lungo ma neanche ce ne accorgiamo, siamo così euforiche, che non ci pesa proprio far tanta strada in macchina e in un batter d’ occhio siamo al parcheggio dell’Hotel Bambi. Continua a leggere

MONTAGNE LIBERE

navediciotti

#portiaperti #noborders #briserslesfrontieres

Alla cima si sale per poi scendere, per tornare. L’idea di restare in cima ci ammalia, ma è illusione, reale e metaforica. In cima i problemi sono elementari: ho sete, ho fame. Quando torniamo invece ci scontriamo con faccende più articolate, alcune non le possiamo risolvere noi. Per esempio quella dell’immigrazione attraverso il Meidterraneo. Dunque che si fa? Si torna alle cime come se nulla fosse? Non così hanno agito Ettore Castiglioni, Attilio Tissi, Guido Rossa e tanti altri meno famosi, che davanti alle ingiustizie hanno saputo fare scelte davvero coraggiose. Continua a leggere