RHM SKIALP MEETING 2018 – Austria

IMG-20180318-WA0102

Ho partecipato per la prima volta all’RHM quest’anno e, a dire la verità, ero partita con le idee un po’ confuse. Che cos’è l’RHM?! Boh… però Mariana mi aveva detto che ci si trova tra donne tutte appassionate di scialpinismo e che è una gran figata (Mariana scusa il francesismo, ma così rende l’idea), quindi bon… per me è fatta!

E aveva ragione! Ho incontrato delle donne di tutte le età accomunate dalla stessa voglia di avventura, di fatica, di sport, ma soprattutto di divertimento che ho io! E si è instaurata subito una certa complicità che si traduceva in chiaccherate davanti alla stube, a serate davanti alle cartine a decidere cosa sciare e a stravolgimenti di piani sulle pellate dell’indomani.

In più, il rifugio si trova in un posto spettacolare! Le montagne che ci circondavano sono così maestose e selvagge, del tutto diverse dalle Dolomiti a cui sono abituata, turistiche e tutte catalogate. Qui le montagne hanno aria di terre inesplorate e la poca gente che abbiamo incontrato sembrava piccola piccola rispetto a loro. Quindi, cos’è l’RHM? Direi avventura, amicizia e tanto divertimento.

Giulia

 In quei giorni austriaci sono stata circondata da una bellezza di panorami così immensamente bella da non poterla fermare, potente ed effimera allo stesso tempo, incatturabile. E’ rimasta vissuta in un sol attimo. Ma c’è una consolazione: questa bellezza nel momento in cui mi è entrata dentro, prima di volare via, mi ha lasciato una traccia profondissima nell’anima, come lo scalpo di uno scultore, di quelle che rimangono tutta la vita. Ed è proprio questo scalpo che mi fa tornare in montagna di nuovo, di nuovo e ancora di nuovo.

Mariana

Mariana qualche settimana fa ci ha mandato un invito per partecipare a un raduno di scialpinismo femminile in Austria.  Ci penso, e accetto volentieri la proposta, anche se con qualche dubbio sulle mie capacità da novella scialpinista e il fatto che a parte Mariana non conosco nessuno!! Niente paura… quei pochi dubbi si smorzano appena partite (sotto una bomba di pioggia) e dopo aver conosciuto la mitica Giulia!!

L’avventura si è rivelata davvero super, una compagnia di donne… e aggiungo che donne! La voglia di vivere, divertirsi, andare che hanno mi ha trasmesso un’energia inspiegabile. I miei 3 anni di alpinismo confronto i loro 30 e passa di esperienza, bè già dicono tutto, il modo in cui la montagna la vivono, fa la differenza! Bisogna conoscerle per capire.

Andar per montagne, e soprattutto poterlo fare con gli sci è stata una grande emozione, soprattutto perché era una delle mie prime volte con gli sci in ambiente alpino. Spero una delle tante!

Claudia

 

RHM SKIALP MEETING 2018

E’ arrivato il momento di impacchettare l’attrezzatura per l’Rhm Skialp Meeting 2018!! Quest’anno si terrà in Austria, nella valle di Lusens, vicino a Innsbruck. (Per chi non si ricordasse cos’è l’RHM si rimanda a quest’articolo qui)

dav

Da Verona saremo in 5: io con Giulia e Claudia T., e poi Giuliana e Claudia C. che saliranno per conto loro. Al rifugio Westfalenhaus, troveremo poi Federica di Bolzano, Charlotte dalla Svizzera, Marei, Maren e Anke dalla Germania e Desiree dal Belgio.

 

GIOVEDI’

Per gli impegni della settimana arrivo alla partenza in maniera un po’ frenetica… e d’un tratto mi ritrovo seduta vicino a Claudia T. che guida verso il Brennero. Non la conosco bene, ma nelle poche occasioni che abbiamo avuto per stare assieme sono sempre scattatati dei blabla molto interessanti! E anche questa volta partiamo col piede giusto!

La prima tappa è il paese di Fortezza, è proprio il caso di dirlo… un posto dimenticato da Dio, soprattutto quando non c’è il sole! Qui lavora Giulia, fa l’ingegnere nel cantiere di un nuovo tunnel ferroviario.

Entriamo in un bar per fare il punto della situazione del viaggio: cosa faremo i prossimi giorni? Ma inevitabilmente le chicchere cadono su tutt’altro! Giusto un sunto:

  • Questo bar sembra uscito dagli anni ’70!
  • Fortezza è un posto da film di Sergio Leone, tipo profondo Far West…
  • Davvero sei l’unica donna in tutto il cantiere?! E com’è?
  • Dio… ma davvero gli operai vivono tutto l’anno in baraccamenti? Ma è come l’Inghilterra della Rivoluzione Industriale oppure un distretto minerario belga degli anni ’60. Come fai a resistere?!
  • Cavolo Giulia, dovresti diventare sindacalista!
  • Ma com’è ‘sto posto quando c’è il sole?

Poi la conversazione finalmente si sposta sui giorni che ci aspettano:

bty

  • Ragazze ma precisamente come funziona l’RHM?!
  • Quanto cibo vi portate?
  • Come vi vestite? Cioè quanti strati avete?
  • Ce l’hai la sciolina? E la crema solare?
  • Una foto per i social grazie.
  • Tiriamo fuori le relazioni e le cartine!
  • Cosa dicono i bollettini neve per domani?
  • Dicono di stare in pasticceria e fare la doppia colazione.
  • Quindi gitarella nel bosco? Ne conosco un paio.
  • Fatta, fatta. Notte, a domani.

Cullate dal ticchettio regolare della pioggia che continua a cadere ci addormentiamo nel retro della Turan di Claudia.

 

VENERDI’

La mattina partiamo alla volta di Vipiteno dove abbiamo individuato una scialpinistica sicura: il monte Flekner. Piove e nevica da due giorni… non possiamo permetterci molto altro.

dav

Arrivate fuori dal bosco ci troviamo immerse in un panorama fiabesco: abeti sempre più radi spruzzati di bianco, masi coi tetti appesantiti dalla neve e dolci dune che si confondono col bianco delle nubi basse.

dav

Ben presto ci troviamo immerse nella nebbia, non vediamo bene la direzione da prendere e cominciamo a sentire sotto i nostri sci i classici WOOOM di assestamento del manto nevoso. Di fiabesco comincia rimanere ben poco, ora ci sentiamo immerse in un incantesimo cattivo! Giriamo gli sci e torniamo indietro.

bty

Vista l’impossibilità di fare altro ci rimettiamo in macchina, e stavolta puntiamo direttamente al rifugio del meeting. In macchina riparte il nostro blabla:

  • Cosa pensi della convivenza?
  • Come hai conosciuto il tuo moroso?
  • Prova questi integratori sportivi della Pegaso.
  • Come fate voi quando vi arriva il ciclo e siete in montagna?
  • Che dispositivo usi quando hai il ciclo?
  • Su questa relazione c’è scritto NDS, cioè Normale Dotazioni Scialpinistica… mmm… per me dovrebbero scrivere NDSA, A per assorbenti.
  • Devi provare la coppetta mestruale, è la svolta.

Arrivate al parcheggio, ci congiungiamo a Claudia C. e Giuliana. Insieme percorriamo sugli sci le due ore che portano al rifugio, a 2.273 m.

 

Tra tutte le altre sciatrici siamo le più giovani… ma solo anagraficamente, perché queste “ragazze cresciute” hanno una carica che supera di gran lunga la nostra, e anzi ci contagia!

IMG-20180318-WA0064

Marei, Claudia C., Desiree, Charlotte, Anke e Maren

Durante la cena cominciamo a pensare al programma per il giorno seguente, il bollettino neve non sembra essere dalla nostra, perché il pericolo valanghe rimane molto marcato. Talvolta ci sentiamo in soggezione, ci piacerebbe tirare indietro e lasciar perdere gite che a tavolino sembrerebbero sconsigliabili. Le nostre compagne invece la pensano diversamente, ci propongono di andare a vedere di persona… hanno molti più anni di esperienza di noi e così ci lasciamo convincere dalla loro filosofia: valutare passo-passo. Una scelta che decisamente ci ripagherà!

 

SABATO

Ci svegliamo e subito corriamo alla finestra per vedere cosa dice il cielo: è sereno! Alle 8.00 uscirà il bollettino nivo-meteo aggiornato, lo aspettiamo impazienti e intanto facciamo colazione chiedendoci se sia meglio spalmare prima la marmellata o il burro.

Del bollettino la cattiva notizia è che il pericolo è alto, la buona è che il cielo si coprirà solo da mezzogiorno. Scattiamo come saette a prendere gli zaini, calziamo gli scarponi, mettiamo la crema solare, pelliamo gli sci e siam già sulla linea dello start, direzione Cima Weiskogl (3185m).

In fila indiana risaliamo il dolce vallone verso il passo Winnebach (2788), traversiamo sotto alte pareti e cime di 3000m. Mi accorgo che l’ambiente non è quello dolomitico, questo assomiglia di più al potente ambiente delle Alpi Occidentali, quello che mi mette più in soggezione ma anche quello che mi ha regalato le emozioni alpinistiche più forti.

IMG-20180318-WA0040

Scivoliamo veloci sulla traccia, al passo pieghiamo a nord e poi a ovest e in breve siamo al pianoro sotto la cima.

DSC04328

DSC04326

La guardo, poi guardo le mie compagne e capisco che stiamo tutte pensando la stessa cosa: per oggi niente vetta. I pendii sottostanti sono esposti a est, hanno preso sole e sono carichi… troppo rischioso.

IMG-20180318-WA0098

Nel frattempo però abbiamo notato sull’altro lato della valle, un vallone esposto a nord, il Winnebachferner, c’è già una traccia. Federica propone di andare a dare un occhio e con Giulia decidiamo di unirci. Così tornate al passo invece di riprendere la traccia verso il rifugio scendiamo in direzione contraria e arrivate sotto il canale cominciamo a salirlo.

IMG-20180318-WA0103

Sali, sali e sali capiamo che la situazione è buona e che non è nemmeno così ripido come sembrava. La stanchezza però comincia a farsi sentire, ma ormai mancano poche inversioni, non molliamo! «Ce l’hai nello zaino un ciuccino?» – «Cosa intendi con ciuccino?? Dio non ce la faccio più!» – «Un gel energetico! Un bombetta per tirarti su!» – «Ah ok, sì ce l’ho!» – «In cima la prendi!». Ci sproniamo a vicenda e finalmente siamo in vetta al canale… ora non ci resta che rifiondarci giù e goderci la neve polverosa! Guardo Giulia e Federica, sono davvero brave a sciare!

 

Intanto il cielo si è coperto e ha cominciato a nevischiare leggermente, giù dal canale ritorniamo sulle nostre tracce di andata e via verso il rifugio.

Mi rendo conto conto che in cima sono stata tutta indaffarata a cambiare assetto di sci, a mangiare qualcosa ecc. e che dunque non mi sono fermata neanche un istante ad assaporare in silenzio tutta la Natura che mi circondava. “Non vengo in montagna per cambiare assetto di sci e mangiare una barretta! Questi sono solo mezzi per arrivare ad altro…” penso; allora per rimediare rimango volutamente indietro: per stare un po’ da sola, per guardare il cielo e la neve che ormai hanno lo stesso colore, per farmi spaventare dalle rocce che in mezzo a tutto quel bianco sono diventate ancora più nere, per godere di quella paura e del silenzio così spaesante e unico. Insomma voglio che quella Natura mi entri dentro e non esca più.

DSC04329

Tornate in rifugio ci rilassiamo nell’attesa della cena e pensiamo già all’ultima gita che faremo domani, speriamo che il tempo sia clemente come oggi! Poi arrivano i piatti, e mi stupisce sempre vedere che in Austria i wurstel galleggiano nel brodo, opto per il menù vegetariano…

 

DOMENICA

La mattina si ripete la scena del giorno prima: corsa alla finestra e attesa del bollettino. Anche stavolta sembra che il tempo reggerà solo la mattina. Decidiamo dunque per la gita del “Piattone”, l’abbiamo soprannominata così perché si sviluppa praticamente solo nel fondovalle, prendendo quota davvero lentamente… quindi molto sicura per le valanghe. Prima di partire salutiamo le sciatrici di lingua tedesca, hanno deciso di scendere prima, ma ci diamo l’arrivederci all’RHM estivo in Svizzera.

DSC04361

Noi italiane ci incamminiamo nell’alta Val Langen. Aimè però dura poco… il cielo si copre e la visibilità diventa nulla, così giriamo i tacchi, ma stavolta la direzione non è più il rifugio… è casa.

 

Sciamo verso il parcheggio sotto una piccola bufera di neve; è marzo, ma i panorami che lasciamo sono da pieno inverno. Sento una leggera malinconia che mi pervade. È la malinconia della montagna… sono triste di andarmene, ma felice di sentire questa sensazione, era tanto tempo infatti che non provavo il sentimento del “non voler tornare a casa”, e in questo mi sento come rinata.

AUTRICE: Mariana Zantedeschi

2 pensieri su “RHM SKIALP MEETING 2018 – Austria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...